Programma CCM 2020
Capofila: AGENAS
Responsabile scientifico: Giovanni Baglio
Referenti AGENAS: Enza Amicosante, Fabio Bernardini, Elisa Guglielmi, Annalisa Rosso, Erica Eugeni.

 

 

Il Progetto di ricerca dal titolo Modelli organizzativi per l'efficientamento delle attività di contact tracing – CT” si inserisce nell’ambito del Programma CCM 2020. Per la realizzazione della ricerca, AGENAS è stata individuata ente capofila e sono state coinvolte altre 3 unità operative (Azienda Zero - Veneto, Azienda Sanitaria Locale Frosinone, Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale “Antonio Cardarelli” di Napoli). 

Sono state realizzate una serie di attività condivise anche con gli altri partener della ricerca. In particolare sono state effettuate: una ricognizione sistematica della letteratura nazionale e internazionale, interrogando le principali banche dati bibliografiche (PubMed, Embase, Cochrane) attraverso stringhe di ricerca costruite mediante l’utilizzo di opportune parole chiave; e una ricerca libera su siti web (Centres for Disease Control and Prevention - CDC, European Centres for DiseaseControl and Prevention - ECDC, National Guidelines Clearing House, National Institute of Clinical Excellence -NICE, World Health Organization – WHO/OMS), in modo da reperire linee guida e documenti di indirizzo non rintracciabili mediante le banche dati bibliografiche.

È stata altresì sviluppata una ricognizione delle good practice maturate a livello locale, attraverso la predisposizione di una scheda per la raccolta di informazioni relative ad attività regionali e locali ricollegabili alla sorveglianza sanitaria e al CT; una attività di ricognizione presso singole Aziende sanitarie territoriali e ospedaliere; una classificazione/sintesi delle informazioni relative alle esperienze e alle reti territoriali.

Infine, si segnala che è stata realizzata, in collaborazione con le U.O., una ricognizione relativa a specifiche attività connesse al CT, sviluppate nei loro contesti territoriali. Tale ricognizione ha riguardato, ad esempio, specifiche esperienze di CT nei contesti scolastici, l’impiego di strumenti digitali, e particolari modelli organizzativi di riassetto dei servizi territoriali di prevenzione.

 

Stato della ricerca: Concluso

Per approfondimenti:

 

Visite: 11440

Torna su